The winner takes it all

 

 

Lo scrissi anni ed anni fa, sul mio blog di myspace. In una condizione molto diversa ma che in fin dei conti è sempre adattabile. E’ il mio post preferito di sempre.

 

Come la pioggia che evapora dai marciapiedi.
Come brace dopo una notte fredda.
Come profumo in un ascensore.
Ogni traccia che svanisce, ogni parola senza senso, ogni eterno gioco tra fiamma e falena, ogni storia riscritta.

I dont wanna talk
About the things weve gone through
Though its hurting me
Now its history
Ive played all my cards
And thats what youve done too
Nothing more to say
No more ace to play.

Non voglio correre il richio di essere spontaneo. Mai più. Seguo calcoli infinitesimali e che Leibniz mi aiuti. Tu non puoi farlo. Non puoi più. Ed io non voglio. Forse si. Ma che importa.

I was in your arms
Thinking I belonged there
I figured it made sense
Building me a fence
Building me a home
Thinking Id be strong there
But I was a fool
Playing by the rules.

Giocherò una nuova manche? Sono così stanco di tirare i dadi e sperare in quella fottuta coppia di numeri. Non dipende da me.
Il ‘doppio sei’ ha un valore speciale. Cos’è che ha valore per te?

Somewhere deep inside
You must know I miss you
But what can I say
Rules must be obeyed.

Penso di essere ciò che non sono (?) – ma come no – tirerò una bella linea indelebile. Ma posso aspettare un altro lunedì. Si, aspetterò una nuova mossa. Non puoi sapere quando ti colpirò. Farà male. Mi hai svelato tutti i trucchi.

The judges will decide
The likes of me abide
Spectators of the show
Always staying low
The game is on again
A lover or a friend
A big thing or a small.

Resta qui.
Sparisci subito.

I dont wanna talk
If it makes you feel sad
And I understand
Youve come to shake my hand.

Capire sempre. Condividere mai. Il silenzio prima mi uccide, poi mi agita, poi è nulla. Cosa senti ora che il mio viso è freddo? Non ti guardo con nessuna luce. I miei occhi sanno ostentare e coprire come vetro smerigliato. Vieni a vedermi giocare… ma non osare scendere in campo, siamo ìmpari più di prima. Ora c’è una verità diversa.

Non vorrei mai farti del male e sento non avrò pace finchè non te ne farò.

 

 

Annunci

~ di hatterego su luglio 8, 2011.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: